Uomini&Business - Direttore Giuseppe Turani

Pubblicità

Persone

Ha vinto Chiara

Conosce benissimo il marketing e la socierà dei consumi. Ne ha fatto una professione e non lo nasconde. Perde chi la attacca sul web. 

di GIUSEPPE TURANI |

La Blonde Salad, al secolo Chiara Ferragni, autentico genio del marketing, bella, e simpatica, influencer del Web con migliaia di fan, ha colpito ancora. L’occasione è data dalla scoperta che esiste in commercio una bottiglietta di acqua Evian (in edizione limitata), marchiata appunto Ferragni, e venduta a 8 euro l’una.

In Rete (luogo dove la stupidità per metro quadro è la massima dell’universo) si è scatenata la tempesta moraleggiante: vergogna, orrenda speculazione, vada a lavorare, e via di questo passo. Con qualche accenno di ironia (“Questa è la prova che è ora di abbandonare questo pianeta”). Oppure: “L’estinzione è cominciata”.

Lei, la Blonde Salad, che di questo vive, non ha fatto nemmeno una piega. Anzi, ha ripubblicato una caricatura della famosa bottiglia con le sue lunghe ciglia. Ha vinto lei, senza dubbio.

E ha vinto perché Chiara conosce benissimo i meccanismi della società dei consumi, in cui l’apparire conta almeno quanto l’essere. I suoi critici hanno perso perché fanno finta che la società dei consumi non esista e che non esistano, da tempo immemorabile, le “cose” inutilmente firmate, ma che fanno status. La Blonde Salad questo vende: status, niente altro che status. Se ne può fare a meno, si campa benissimo lo stesso. Ma c’è gente a cui piace. Nessuno, probabilmente, berrà mai quelle bottigliette di Evian, finiranno in salotto, in bella vista. Accanto ai libri firmari dall’autore, alle scarpe siglate dal noto calciatore, ai quadretti dipinti dalla nonna che fu l’amante del sindaco  locale.

Così, la Blonde Salad e la sua bottiglietta di Evian diventano parte della nostra storia personale, un colpo di colore, una piccola cosa da raccontare, come l’orologio che ci ha lasciato il nonno e che da decenni non funziona più. Dove stiano lo scandalo, o la vergogna, non è dato sapere.

Da QN del 10 ottobre 2018