Uomini&Business - Direttore Giuseppe Turani

Pubblicità

Gli italiani under 30 premiati da Forbes

Dalla fashion blogger Gilda Ambrosio all'ideatore di Roboze, le stampanti 3D scelte da GE e Airbus. 

di Redazione |

A dispetto della loro giovane età, hanno già realizzato tanto. Sono stati visionari e corraggiosi. Hanno sfidato i tempi e hanno creato qualcosa di assolutamente nuovo o comunque di diverso. Hanno creduto nel loro sogno senza arrendersi, imponendosi come innovatori. La rivista Forbes come ogni anno seleziona i giovani under 30 da tenere d’occhio in vari campi, dall’intrattenimento alla tecnologia, dalla medicina alla finanza. Nella lista dei talenti europei compare anche una manciata di italiani. Ecco chi sono.

GILDA AMBROSIO, COFONDATRICE DI ATTICO – Napoletana, trapiantata a Milano, la 25enne Gilda Ambrosio (nella foto) è considerata una delle principali esperte di moda. Con oltre 185.000 followers su Instagram, oggi è una della prime dieci fashion blogger al mondo. Cresciuta nella boutique dei suoi genitori e dopo essersi divertita per anni a vestire i manichini della sua boutique, ha studiato fashion design alla Marangoni e nel corso dell’ultimo anno di studi, insieme all’amica Giorgia Tordini ha creato Attico, brand che comprende una linea di abbigliamento e di accessori distribuiti in 200 punti vendita al dettaglio nel mondo. Un brand in espansione che ha anche di recente presentato la sua collezione nel corso della Milano Fashion Week.

LORENZO UGGERI, FONDATORE DI KOONESS – Il suo obiettivo era creare una nuova generazione di collezionisti d’arte. Così il 29enne Lorenzo Uggeri ha deciso di trasportare l'acquisto di opere d'arte fuori dalle caste d'aste, rendendolo disponibile su internet e  redendolo accessibile a tutti. Dopo la laurea alla Bocconi in Economia e Management dell’innovazione, ha creato nel 2015 Kooness.it, una piattaforma che ora espone i lavori di 250 gallerie sparse in cinque continenti. 

GLI CHEF FLORIANO PELLEGRINO E DAVIDE CARANCHINI – Tra i talenti Under 30 premiati da Forbes compaiono (nella lista Arte e Cultura) gli chef Floriano Pellegrino e Davide Caranchini. Il primo è il patron di Bros, ristorante di Lecce che due anni fa aveva visto protagonista nella stessa classifica la chef e pasticcera Isabella Potì, compagna - nel lavoro e nella vita - di Floriano Pellegrino. Ora è toccato a Floriano, uno chef che vanta una vasta esperienza all’estero e che oggi con la sua nouvelle vague gastronomica sta sferzando il Sud Italia, guidando un ristorante ambizioso e moderno insieme al fratello più giovane, Giovanni. Il secondo è il giovane chef alla guida del Ristorante Materia, a Cernobbio. Anche lui vanta una unga esperienza all’estero, a Parigi, Londra e presso il Noma di Copenhagen, anche se poi quello che più lo ispira è ciò che trova vicino alle sua terra, sul lago di Como.

MATTEO PARISI, COFONDATORE DI VINHOOD – Insieme a altri 4 amici, il 29enne Matteo Parisi ha fondato nel 2016 il sito Vinhood. L’obiettivo era quello di semplificare l’universo del vino, permettendo a chiunque di scoprire e conoscere meglio i propri gusti. Come? Con un semplice test iniziale di 40 secondi che consente di indirizzare il consumatore sulla scelta che più si avvicina al proprio gusto. Un’idea grandiosa in un paese dove i bevitori di vino sono 28 milioni.

ALESSIO LORUSSO, FONDATORE ROBOZE – Ha fondato nel 2013 Roboze, una società con sede a Bari che realizza stampanti 3D per la grande industria manifatturiera. Il 27enne Alessio Lorusso ci ha sempre creduto. Ha realizzato la sua prima stampante 3D all’età di 17 anni. Oggi vanta tra i suoi clienti anche il colosso americano GE e Airbus e un fatturato che a fine 2017 si aggirava su 1 milione di euro. Ha messo a punto un brevetto che gli permette di realizzare stampanti altamente performanti, in grado di garantire la ripetibilità degli oggetti.

SIMONE RICUCCI, FONDATORE YOUDROOP – Come una buona idea può trasformarsi in un business redditizio? Lo ha capito bene il 27enne Simone Ricucci, che ha creato YouDroop, ossia il primo marketplace europeo rivolto alle aziende, in grado di collegare tutti i rivenditori e i fornitori per tutelare il commercio elettronico e garantire gli investimenti online. Un’avventura iniziata nel 2015 con un capitale di 20.000 euro messi di tasca propria e 80.000 euro dai suoi partner. Un grande coraggio per Ricucci che per lanciarsi in questa avventura ha lasciato una carriera da Ufficiale di Marina e un posto fisso a tempo indeterminato. E proprio dall’addestramento militare ha tratto la determinazione per realizzare la sua impresa. A oggi la società torinese, che ha anche una sede a Londra, ha servito oltre 10.000 clienti.

GIUSEPPE CICERO, COFONDATORE DI ORAL3D - A soli 28 anni Giuseppe Cicero è stato inserito da Forbes tra i 30 under 30 più influenti in campo medico in Europa del 2018. Ha creato un dispositivo che permette di aiutare il paziente a capire come il chirurgo dentale interverrà sulla loro bocca e sul loro sorriso. Con la sua società Oral3D produce e distribuisce un apparecchio in grado di stampare in 3D le radiografie dentali, realizzando un vero e proprio modellino della bocca e dei denti.

ALICE TOMASSINI, FILMMAKER – Combinando la passione per il cinema e le nuove tecnologie, la 29enne Alice Tomassini si è imposta all’attenzione del pubblico. Dopo aver avuto diversi ruoli dietro la telecamera, ha di recente realizzato un documentario sui rapporti tra chiesa e social media e una serie di documentari sull’impatto sociale della tecnologia. In passato ha anche portato avanti esperimenti su realtà virtuale e esperienza sensoriale tattile, di cui ha in serbo un nuovo progetto nei prossimi mesi. Ha lavorato come ricercatrice all’Università della California di Los Angeles e a Ginevra come Producer nell’organizzazione del TEDxTransmedia in attività di ricerca sulla narrazione transmediale per finalità di marketing, educazione e pubbliche relazioni.