Uomini&Business - Direttore Giuseppe Turani

Pubblicità

MAAD! Milano capitale dell'animazione

Nasce un distretto volto a formare nuovi talenti e sostenere lo sviluppo di una nicchia di produzione in cui l'Italia primeggia. 

di Redazione |

I cartoni animati non sono solo il passatempo preferito dai bambini. Sono anche una redditizia nicchia che vede l’Italia brillare. Il pensiero corre subito alla Rainbow, il colosso mondiale nato dalla passione di Iginio Straffi che con le sue Winx ha creato un successo planetario. Un’azienda che oggi occupa 1.000 addetti e distribuisce i suoi prodotti in 150 paesi. L’unica nel nostro paese in grado di presiedere all’intera filiera di un cartone animato, dall’ideazione alla sua distribuzione.

UN'INDUSTRIA VITALE - Tutt’intorno un tessuto più che vivo e rigoglioso di un'ottantina di piccole aziende che si stanno ritagliando un ruolo sempre più autorevole nel mercato internazionale dell’animazione. Come non citare la storica casa di produzione fondata a Milano all’inizio degli anni ‘60 dal disegnatore Bruno Bozzetto, artefice di recente del successo di “Topo Tip” (sotto, un'immagine del cartone), serie tv 3D distribuita in oltre 60 paesi.



Il settore è più vitale che mai, genera nel complesso un fatturato che supera i 100 milioni di euro e occupa oltre 3.000 addetti tra dipendenti e freelance. Un settore che ha continuamente bisogno di nuovi talenti in grado di creare e realizzare storie animate in grado di conquistare i più piccoli.

MAAD! - IL DISTRETTO DI MILANO - In questo contesto, nasce MAAD! ossia Milano / Animation&Audiovisual / District: un distretto finalizzato a favorire lo sviluppo del settore audiovisivo e dell’animazione in Italia. A promuoverlo un gruppo di aziende, banche, università e associazioni che vedono in prima fila Cariplo Factory, Asseprim, Animation Italia con la partnership di Fastweb Digital Academy e IULM, con il sostegno di Fondazione Cariplo e Confcommercio Lombardia e il Patrocinio di Regione Lombardia e del Comune di Milano.

Fulcro del nuovo Distretto è la Cariplo Factory a Milano, in Via Bergognone 34, (sotto, un'immagine dell'interno), un luogo fisico dove far crescere le idee e i talenti. «L’obiettivo di MAAD! è costruire una piattaforma – aperta e inclusiva – per la valorizzazione e il consolidamento del comparto dell’animazione e dell’audiovisivo italiano partendo da Milano e dalla professionalizzazione dei giovani talenti italiani. I trend del settore, infatti, sono in crescita e rappresentano una straordinaria occasione per il nostro Paese che ha competenze, risorse, creatività riconosciute in tutto il mondo e deve velocemente consolidare i sistemi e i processi produttivi della filiera per collaborare e competere alla pari con i player internazionali», si legge nella nota di presentazione del progetto.



PRIORITA' ALLA FORMAZIONE - La priorità, dunque, va alla formazione e vede l’avvio, già da quest'anno, di tre Corsi di Alta Formazione - Sceneggiatura per l’animazione, Management videogame, Digital Storyboarding - curati da Animation Italia e offerti gratuitamente ad allievi selezionati (requisiti di ammissione e form per la candidatura al sito www.fastwebdigital.academy).

Per il 2017 MAAD! prevede – tra gli altri – due significativi momenti. Uno è l’organizzazione dei Milano Animation Days, venerdì 22 e sabato 23 settembre: due giornate di incontri e confronti tra i protagonisti del settore, tra produzione e broadcaster, ma anche per proiezioni, attività dedicate al pubblico, laboratori e iniziative per i ragazzi. L’altro è il lancio dell’Executive Master in Animation & Visual Effects annunciato dall’Università Iulm in partnership con Animation Italia: sotto la direzione scientifica del professor Gianni Canova, il master partirà nell’autunno-inverno e ha la finalità di formare character designer, animatori 2D o 3D o storyboard e concept artist di livello internazionale.

Il programma MAAD! 2018 vedrà un ampliamento dell’offerta formativa e l’intensificazione di nuove iniziative con l’allargamento a nuovi partner. Tra gli altri, l’Accademia di Brera ha già in programma di dar vita a un progetto laboratoriale legato all’animazione.