Uomini&Business - Direttore Giuseppe Turani

Pubblicità

Moda e Design

2018 record per LVMH

Ricavi in crescita del 10 per cento a 46,8 miliardi. Vendite in aumento in Cina anche nel quarto trimestre. Rally del titolo alla borsa di Parigi. 

di Redazione |

Un 2018 “da record” per il colosso Lvmh guidato da Bernard Arnault, numero uno mondiale del lusso con i suoi 70 marchi tra cui Louis Vuitton, Dior, Fendi, Bulgari e Moët & Chandon. L’anno scorso i ricavi totali hanno raggiunto i 46,8 miliardi di euro, in crescita del 10 per cento rispetto all’anno precedente.

Stessa crescita, +10 per cento, ha caratterizzato anche le vendite del quarto trimestre, che non hanno subito alcun contraccolpo dalla frenata della Cina. Anzi, il gruppo sottolinea che le vendite in Cina sono aumentate anche nell'ultimo scorcio del 2018. E pure nel mese di gennaio di quest'anno. 

Buona anche la redditività, con i profitti operativi aumentati nel 2018 del 21 per cento alla cifra record di 10 miliardi di euro e un’incidenza sul fatturato del 21,4 per cento. Numeri che hanno indotto la società a annunciare l'aumento del dividendo a 6 euro, rispetto ai 5 euro distribuiti l'anno precedente. Bene il titolo in borsa dove a Parigi chiude con un progressi di oltre il 6 per cento.

Tanto più che il colosso del lusso si è dichiarato fiducioso anche per il nuovo anno: «Siamo ottimisti per il 2019 – ha dichiarato Bernard Arnault nella conference call riservata agli analisti – anche se non possiamo controllare la congiuntura globale».

Tornando ai conti del 2018, «tutti i gruppi d’attività registrano performance eccellenti», precisa LVMH. In particolare la moda ha segnato un progresso delle vendite del 19 per cento a 18,4 miliardi, mentre i profitti hanno sfiorato i 6 miliardi (+21 per cento). Tra i brand della moda, il gruppo sottolinea le performance “eccezionali” di Louis Vuitton e Christian Dior.

Crescita a doppia cifra anche per profumi e cosmetica (+10 per cento). Incrementi più modesti per gioielli e orologi (+8 per cento), il selective retailing (+3 per cento) e la divisione wine and spirits (+1 per cento).