Uomini&Business - Direttore Giuseppe Turani

Pubblicità

Ferragamo scommette su un nuovo ceo

Eraldo Poletto lascia dopo meno di due anni. Vola il titolo a piazza Affari. 

di Redazione |

Eraldo Poletto (nella foto in basso) lascia la guida della maison Salvatore Ferragamo. Dopo aver guidato per diversi anni Furla, era stato nominato amministratore delegato del gruppo fiorentino nell’agosto 2016, in sostituzione di Michele Norsa.

In una nota di poche righe, diffusa ieri sera dopo la chiusura della Borsa, la società ha annunciato che «con il consiglio di amministrazione previsto per il giorno 8 marzo 2018, si conclude, in accordo e sintonia con il dott. Eraldo Poletto, il suo mandato di consigliere e amministratore delegato della società», ringraziando il manager «per aver contribuito all’avvio di un nuovo capitolo della storia della società». 

Nessuna informazione, per ora, sul suo successore. Per il quale forse bisognerà aspettare il cda dell’8 marzo. La Borsa intanto scommette sul titolo, che a piazza Affari segna un progresso del 3 per cento a 23,32 euro.

Il riposizionamento del gruppo appare meno convincente delle attese. A dicembre Salvatore Ferragamo aveva lanciato un profit warning ammettendo di essere in difficoltà nel raggiungere gli obiettivi di medio termine indicati. Non solo. I dati preliminari del 2017 indicano una calo del 3 per cento dei ricavi a 1,39 miliardi di euro.

Nel tentativo forse di raddrizzare il tiro, lo scorso ottobre si era consumato l’avvicendamento alla guida creativa del womenswear con Paul Andrew chiamato a sostituire Fulvio Rigoni. Ma è ancora troppo presto per valutare gli effetti.