Uomini&Business - Direttore Giuseppe Turani

Pubblicità

Le griffe celebrano il capodanno cinese

Un omaggio all'anno del cane da parte di Gucci, Moncler, Furla, ecc....

di Redazione |

 

Il mondo della moda si mobilita anche quest’anno per il capodanno cinese che inizia oggi. A mezzanotte inizia l’anno del cane, che succede all’anno del gallo. Un evento ricco di significati simbolici che sarà celebrato non solo in Cina ma da tutti i cinesi sparsi per il mondo.

Al ricco cartellone di eventi, si inserisce anche il mondo del lusso. L’usanza vuole che in occasione del capodanno le famiglie si riuniscano e si scambino doni. Meglio ancora se i doni sono rossi e richiamano la sembianza dell’animale corrispondente all’anno che incomincia.

Ecco allora un proliferare di oggetti e capi di abbigliamento che si addicono per l’occasione. Moncler ad esempio, ha deciso di accogliere il nuovo anno con una special edition di capispalla e accessori per l’uomo e per la donna e anche un capo speciale per vestire gli amici a quattro zampe. Il colore dominante naturalmente è il rosso, un colore di buon auspicio, mentre l’immagine del cane viene ricamata su un elegante broccato lei e su uno speciale camouflage per lui.

Anche Gucci si è sbizzarrito dedicando una collezione ad hoc che comprende ben 63 articoli dedicati al nuovo anno cinese, tra cui maglioni, shorts, felpe, bomber ma anche sciarpe, sneakers, gioielli, zaini e borse shopping (confezionati in tessuto Gucci Supreme). Protagonista assoluto: il cane.

Che compare anche sui foulard di seta di Ferragamo e sul quadrante dell'iconico orologio Tambour Orizon di Louis Vuitton, così come sulla tracolla Metropolis di Furla e, in versione cartoon, anche sulla felpa di Moschino e sulla t-shirt di Mango.

Non solo. Anche gli outlet hanno puntato sul capodanno cinese. Fidenza Village si prepara ad accogliere gli ospiti cinesi che vorranno festeggiare in Italia il loro Capodanno con una serie di iniziative dedicate. Il Villaggio ospita una mostra open air dal titolo Love The Dog Art   con protagoniste 50 statue portafortuna di bulldog rossi decorate da alcuni dei più promettenti studenti cinesi della prestigiosa Accademia di Belle Arti Aldo Galli – IED Como.