Uomini&Business - Direttore Giuseppe Turani

Pubblicità

TheMicam e Mipel, boom di visitatori

In crescita espositori e buyer, specie stranieri. Bilancio più che positivo per i due saloni internazionali dedicati a calzatura e pelletteria. 

di Redazione |

Successo di pubblico per le due fiere internazionali dedicate e calzature e pelletteria, TheMicam e Mipel, che si sono svolte a Rho Fiera Milano dal 17 al 20 settembre, a ridosso della settimana della moda milanese.

Sono state 47.187 le presenze alla 84esima edizione di TheMicam, inaugurata domenica scorsa alla presenza del presidente del consiglio Gentiloni, con un aumento del 5,6 per cento rispetto all’edizione dello scorso settembre. In crescita sia i buyer stranieri (27.880, +5 per cento) sia quelli italiani (19.307, +6,5 per cento), a fronte di 1.441 espositori (797 italiani e 644 internazionali). In forte crescita i compratori russi (+32 per cento) e quelli americani (+15 per cento) ma sono aumentati anche i clienti arrivati da Cina e Hong Kong (+7 per cento) mentre in Europa si sono distinti i buyer francesi (+6,7 per cento) e tedeschi (+4 per cento).

«TheMicam si conferma ancora una volta appuntamento irrinunciabile per il comparto calzaturiero. La manifestazione - ha commentato Annarita Pilotti, presidente di Assocalzaturifici –  prosegue nel lungo percorso di rinnovamento avviato nella scorsa edizione. Abbiamo raggiunto due importanti traguardi: da un lato abbiamo portato per la seconda volta in fiera i grandi marchi della moda italiana; dall’altro abbiamo ottenuto un nuovo posizionamento all’interno del calendario fieristico, riuscendo per la prima volta a far coincidere il giorno di chiusura del Salone con l’avvio della settimana della moda milanese».  

Crescita addirittura a doppia cifra per l’edizione numero 112 di Mipel, sia in termini di espositori, aumentati del 10 per cento fino a registrare, per la prima volta dopo molti anni, il tutto esaurito, sia in termini di visitatori, cresciuti del 17 per cento grazie soprattutto al boom di buyer italiani (+27 per cento) e a un afflusso importante di compratori dall’Ucraina (+29 per cento) e dalla Russia (+5 per cento).

Grande soddisfazione per Danny D’Alessandro, al suo debutto in qualità di CEO di Mipel e Direttore Generale di AIMPES, Associazione Italiana Pellettieri, promotrice di Mipel. I dati d’altronde riflettono gli ultimi risultati positivi del settore. Nei primi sei mesi del 2017 la pelletteria ha infatti segnato un incremento del 14 per cento delle esportazioni con un interesse degli acquirenti esteri che si è concentrato soprattutto sui prodotti di maggior valore, quelli che meglio identificano l’eccellenza della manifattura made in Italy.

«Con riferimento all’ottimo andamento di questa manifestazione, voglio segnalare che il risultato è determinato anche dalla concomitanza con le altre Fiere, sinergia costruita grazie al lavoro svolto sul ‘Tavolo della Moda’, fortemente voluto dal Ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda e dal sottosegretario Ivan Scalfarotto», ha commentato Riccardo Braccialini, Presidente AIMPES. Un’esperienza che sarà ripetuta, come ha confermato lo stesso Braccialini affermando che anche per la prossima edizione «proseguirà l’impegno sinergico con le altre manifestazioni di periodo e con la Città di Milano».