Uomini&Business - Direttore Giuseppe Turani

Pubblicità

Moncler cresce a doppia cifra

Ricavi in aumento del 18 per cento e utile netto in crescita del 25 per cento nel primo semestre. 

di Redazione |

Foto: sfilata Moncler Gamme Rouge collezione Womenswear Fall/Winter 2017/2018 durante la Paris Fashion Week


Un altro semestre in forte crescita per Moncler. Nei primi sei mesi dell’anno il gruppo guidato da Remo Ruffini ha realizzato ricavi per 407,6 milioni, in aumento del 18 per cento (a cambi correnti) sull’analogo periodo 2016, e un utile netto di 41,8 milioni, in aumento del 25 per cento. In miglioramento anche l’Ebitda Adjusted, salito nel semestre a 97 milioni (78,3 nel primo semestre 2016) con un’incidenza sui ricavi del 23,8 per cento (22,6 per cento), e un Ebit adjusted salito a 73,3 milioni (59 nel primo semestre 2016) con un’incidenza sui ricavi del 18 per cento (17 per cento).  

«Dalla quotazione ad oggi, questo è il quattordicesimo trimestre consecutivo di crescita a doppia cifra per Moncler. Anche nel secondo trimestre del 2017, infatti, il fatturato del Gruppo è cresciuto di un ulteriore 20 per cento, con il positivo contributo di tutte le regions e di tutti i canali» ha dichiarato Remo Ruffini, Presidente e Amministratore Delegato di Moncler. Precisando che «tutto questo è stato conseguito grazie alla solidità e alla forza del brand, preservando la sostenibilità del suo sviluppo. Una crescita costante che è frutto dell’unicità di Moncler e del prezioso lavoro svolto da tutti i suoi collaboratori e che, ritengo, sia anche il risultato della nostra capacità di rinnovarci nella continuità, di guardare avanti, a volte con coraggio e di saper fare scelte di valore che nel tempo danno i loro frutti».

Il gruppo è riuscito anche ad aumentare la posizione finanziaria netta, salita a 130,2 milioni rispetto ai 105,8 milioni del 31 dicembre 2016 e a un indebitamento netto di 84,9 milioni al 30 giugno 2016. Il tutto a fronte di investimenti netti per 34,4 milioni realizzati nel primo semestre, in aumento rispetto a 28,9 milioni di investimenti dello stesso periodo del 2016; riconducibile allo sviluppo della rete di negozi diretti (DOS) e ad alcuni importanti ampliamenti/relocations di negozi esistenti.

Rilevata nel 2003 da Remo Ruffini, Moncler oggi produce e distribuisce direttamente le collezioni abbigliamento e accessori a marchio Moncler, Moncler Gamme Rouge, Moncler Gamme Bleu, Moncler Grenoble e Moncler Enfant, tramite boutique dirette e attraverso i più esclusivi Department Store multimarca internazionali. Al 30 giugno 2017, la rete di negozi monomarca Moncler può contare su 191 punti vendita diretti (DOS), in aumento di 1 unità rispetto al 31 dicembre 2016 e 46 punti vendita wholesale (shop-in-shop) in aumento di 4 unità rispetto al 31 dicembre 2016, di cui uno shop-in-shop aperto nel secondo trimestre. 

Oltre ad approvare i conti del primo semestre, il Cda di Moncler ha anche deliberato di prolungare di altri cinque anni, fino al 2023, la joint venture sottoscritta nel 2008 con Yagi Tsusho Limited per la costituzione di Moncler Japan, di cui Moncler detiene, attraverso la società controllata Industries S.p.A., il 51 per cento del capitale sociale, mentre il restante 49 per cento è detenuto da Yagi. 

Per l’esercizio 2017, il management Moncler – precisa la nota del gruppo – prevede uno scenario di ulteriore crescita sulla base delle seguenti cinque linee strategiche: consolidamento dei mercati chiave; sviluppo internazionale; attenta espansione della gamma prodotti; focalizzazione sul consumatore; sviluppo sostenibile del business.