Uomini&Business - Direttore Giuseppe Turani

Pubblicità

Michael Kors rileva Jimmy Choo

Messo in vendita lo scorso aprile, il brand inglese di calzature di lusso passa nella mani del gruppo americano. 

di Redazione |

Il marchio inglese di calzature di lusso Jimmy Choo è stato rilevato dall’americana Michael Kors per una cifra di 896 milioni di sterline, circa un miliardo di euro. L’offerta di Michael Kors è stata giudicata più convincente e ha superato quelle di Interparfums e Cvc Capital Partners.

In base ai termini dell’offerta, gli azionisti di Jimmy Choo riceveranno 230 pence per azione, quasi il 20 per cento in più rispetto alla chiusura di ieri del titolo a Londra: un gap che è stato interamente recuperato stamattina: il titolo alla Borsa di Londra segna infatti un progresso del 18 per cento. Secondo gli analisti, la cifra offerta da Michael Kors valorizza il gruppo di calzature 2,5 volte i ricavi attesi nel 2017 e 22 volte l’ebit.

Jab Holding, il gruppo che fa capo alla famiglia tedesca Reimann, aveva annunciato lo scorso aprile di voler uscire dal segmento luxury e di aver messo in vendita Jimmy Choo, di cui controlla il 70 per cento del capitale. Voci dicono che starebbe per mettere sul mercato anche il brand Belstaff.  

Fondato 20 anni fa (1996) da Tamara Mellon e Jimmy Choo, il brand di calzature è diventuo molto popolare tra le star di Hollywood e vanta fan come la Carrie Bradshaw di Sex and the City, interpretata da Sarah Jessica Parker, oltre ad essere stato un marchio molto caro alla principessa Diana d’Inghilterra e oggi a Kate Middleton. Ha chiuso il 2016 con risultati record grazie anche alla svalutazione della sterlina post Brexit e alla ripresa delle vendite in Cina.

Ultimamente in difficoltà e costretto a chiudere oltre un centinaio di punti vendita soprattutto negli Usa, Michael Kors con questa operazione punta a consolidare la posizione sul mercato del lusso, rispondendo così alla rivale Coach che qualche tempo fa aveva rilevato il brand Kate Spade