Uomini&Business - Direttore Giuseppe Turani

Pubblicità

Acceleratore premuto per YSL

Raddoppio dei ricavi a 2 miliardi entro un triennio e 20 nuovi store l'anno: il brand annuncia obiettivi ambiziosi nel primo incontro con gli analisti.  

di Redazione |

Nella foto un'immagine della nuova campagna YSL Beauty con protagonista la cantante Emma Marrone


Yves Saint Laurent alza il tiro e punta a raddoppiare i ricavi al massimo entro il prossimo quinquennio. E per farlo conta anche di aprire 20 nuovi negozi l’anno. L’obiettivo è raggiungere 2 miliardi di ricavi tra tre o al massimo cinque anni rispetto agli 1,2 miliardi del 2016 e di arrivare a 3 miliardi nel lungo periodo. Il tutto incrementando ulteriormente i margini.

Il brand conta di aumentare l’Ebit margin di 3 punti percentuali passando dal 22 per cento del 2016 al 25 per cento tra cinque anni (o anche prima) per salire poi nel lungo periodo al 27 per cento. Un escalation che pone l gruppo ai vertici del settore del lusso per marginalità dove il primato spetta a Hermès che può contare su un Ebit margin del 34 per cento.  

È la sintesi di quanto ha annunciato lunedì Francesca Bellettini, dal 2013 ceo della casa di moda francese, durante una presentazione agli analisti. «Il brand è diventato più libero e in sintonia con il mondo» ha dichiarato Bellettini sottolineando che attualmente i millennials rappresentano circa il 70 per cento della clientela.

Si è trattato anche del primo incontro di YSL con la comunità finanziaria, una tappa obbligata dopo che il brand è diventato il secondo, dopo Gucci, per ricavi nell’ambito del gruppo Kering.  

Il piano appena annunciata inaugura dunque un nuovo capitolo dell’espansione del brand e pone fine alla fase di rilancio che ha caratterizzato gli ultimi anni e che ha portato a triplicare le vendite dal 2012 al 2016.
Fondamentale è stato il lavoro di Hedi Slimane come direttore creativo, ma il gruppo ha continuato a crescere anche con l’arrivo, nel 2016, di Anthony Vaccarello. Altrettanto fondamentale sarà l’apertura dei nuovi store in base a un mix tra inaugurazioni in mercati a crescita veloce come la Cina e in mercati maturi come la Svizzera, dove YSL ha appena aperto due outlet. A fine 2016 il gruppo poteva contare su 159 boutique.