Uomini&Business - Direttore Giuseppe Turani

Pubblicità

OVS in vendita?

Secondo quanto riporta Il Messaggero, Italmobiliare sarebbe interessata all'acquisto. Ma dalla holding dei Pesenti arriva la smentita. 

di Redazione |

Nella foto un’immagine della modella Bianca Balti per le strade di Palermo per la campagna Primavera/Estate di OVS

OVS in vendita? Secondo quanto riportato da Il Messaggero, sì. E l’interessato all’acquisto sarebbe Italmobiliare, holding della famiglia Pesenti, che però smentisce l’ipotesi. In borsa il titolo OVS è arrivato a guadagnare oltre il 6 per cento, toccando un massimo di 6,48 euro.

«Italmobiliare come di consueto non commenta le voci su possibili dossier all'esame. In ogni caso, in merito alle voci circolate, al momento nessuna operazione riguardante Ovs è all'attenzione degli organi della società» si legge in un comunicato diffuso dalla finanziaria. Il quotidiano romano scrive invece che Italmobiliare «avrebbe già sondato alcune delle grandi banche di relazione, a cominciare da Mediobanca e UniCredit» in merito all'operazione. 

In effetti il fondo di private equity BC Parteners, che dal 2011 controlla OVS attraverso il Gruppo Coin, ha di recente affidato a Rothschild un mandato per valutare la cessione della catena Coin. La vendita riguarderebbe circa 40 punti vendita Coin per un fatturato attorno ai 400 milioni di euro. Alcuni gruppi si sarebbero già fatti avanti ma per ora non sono circolati nomi. L’ipotesi è di concludere la cessione entro la fine dell’anno.

A fine maggio, però, si era appreso che il gruppo Coin aveva ridotto del 12 per cento la partecipazione in OVS, scesa dal 42 al 30 per cento, cedendo le azioni a investitori istituzionali e incassando 166 milioni di euro. La forma scelta era stata quella del collocamento accelerato e la cessione era avvenuta a un prezzo di 6,11 euro per ciascuna azione OVS.

Giovedì intanto sono attesi i conti di OVS relativi al trimestre febbraio-aprile dell’esercizio 2017/2018. Gli analisti si attendono un aumento dei ricavi, sebbene il trimestre si profili come il più debole dell’anno.

Il gruppo Ovs ha archiviato l’esercizio 2016/2017 con ricavi per 1,36 miliardi di euro, in aumento del 3,3 per cento rispetto all’esercizio precedente, grazie soprattutto all’espansione dei negozi con 200 nuovi punti vendita, sia in Italia che all’estero. L’utile è salito del 13,2 per cento a 91,8 milioni di euro e l’ebitda del 3,9 per cento a 186,7 milioni di euro.