Uomini&Business - Direttore Giuseppe Turani

Pubblicità

L'anima eco-friendly di Gucci

Continua la svolta verde della Maison fiorentina, che lancia un logo dedicato. E intanto rafforza la collaborazione con l'Unicef. (nella foto: Frida Giannini, direttore creativo di Gucci)

di UB |

Ecologia e beneficenza. Sempre più marchi del lusso stanno cavalcando un atteggiamento più attento all’ambiente e al sociale e tra questi un posto in prima fila spetta a Gucci, il marchio della Doppia G controllato dalla francese Ppr. Una tendenza così sentita da aver spinto la Maison a intraprendere una strategia di business ben precisa lanciando anche un logo dedicato esclusivamente ai prodotti legati alla sostenibilità sociale e ambientale che vede una delle due G colorarsi di verde.

Un impegno che vede Gucci protagonista già dal qualche anno con il progressivo coinvolgimento dell’attività produttiva interna e dell’intera filiera, per assicurare un prodotto veramente ecologico, dalle materie prime all’imballaggio, senza nulla togliere, naturalmente, alla lavorazione artigianale e di qualità. Una filosofia di cui i 390 negozi diretti del gruppo in tutto il mondo si stanno facendo portabandiera.

Tra i primi articoli eco-friendly si segnala un sandalo biodegradabile, una linea di occhiali realizzati con un nuovo acetato che contiene sostanze naturali e un altro modello di occhiali da sole realizzati in liquid wood, un materiale in grado di sostituire la plastica e che si compone di elementi di origine vegetale, tra cui fibra di legno proveniente da foreste a riforestazione controllata.

Non è solo l’attenzione verso l’ambiente a impegnare il gruppo che ha appena presentato la nuova collezione Gucci for Unicef per celebrare il settimo anno di collaborazione con l’organizzazione umanitaria e per sostenere le iniziative dell’Unicef  'Schools for Africa' e 'Schools for Asia' finalizzate a garantire un’istruzione di qualità ai bambini più bisognosi. La nuova linea porta la firma della stilista Frida Giannini ed è stata battezzata GG Flag Collection. Comprende un’esclusiva serie di t-shirt e accessori caratterizzate da una nuova stilizzazione del logo GG con i colori di diverse bandiere del mondo. Il 25 per cento del ricavato delle vendite sarà devoluto a favore delle iniziative dell’Unicef.

Non solo. Con una donazione iniziale di 350.000 dollari, Gucci annuncia di essere primo partner dell’Unicef nella raccolta fondi destinati a tale programma. La donazione, a nome della collezione Gucci bambino, ha un'attenzione particolare per i ragazzi delle province dello Yunnan e Chongqing. E proprio l’impegno costante di Gucci verso iniziative benefiche ha consentito al direttore creativo di Gucci, Frida Giannini, di ricevere  lo speciale premio "Women of Compassion".