Uomini&Business - Direttore Giuseppe Turani

Pubblicità

L'ora dei manigoldi

La manovra è tutta sballata, non piace a nessuno e rischiamo di andare in  recessione per dieci anni.

di Giuseppe Turani |

Ormai i giochi sono stati fatti e ha ragione il bravo Cottarelli: se ne esce con una patrimoniale (e dieci anni di recessione) o con l’arrivo dell’elicottero della Troika (con esilio permanente, si spera, di Salvini e Di Maio, Putin potrebbe prestarci una dacia in Siberia).

1- I dementi al governo continuano a ripetere che non cambieranno una sola virgola della loro manovra.

2- E hanno ragione: già così, sforando vistosamente e facendo imbufalire tutta l’Europa, riescono a mantenere circa il 10 per cento (forse meno) delle loro avventate promesse elettorali. Se arretrano, dovrebbero ammettere di essere stati dei manigoldi, incantatori di serpenti. E delle loro promesse non resterebbe più niente. Nemmeno la polizia riuscirebbe a salvare Di Maio dall’ira dei napoletani lasciati senza reddito di cittadinanza. Servirebbero le truppe speciali in assetto antisommossa.

3- Ma con questa manovra si va a sbattere. I mercati, fino a oggi, si sono posizionati sopra quota 300, ma sono pronti a fare il balzo.

4- E a quota 350-400, qualunque cosa dicano Di Maio e Salvini, ci sono banche (onuste di Bot) che saltano, se non ricapitalizzano di corsa. Il Truce Salvini dice: salviamo noi, niente paura. Ma con quali soldi, povera stella, se devi fare debiti persino per mandare in pensione prima un po’ di amici e se non hai un euro da investire a Roma al San Lorenzo? Ma solo carabinieri, l’anno prossimo.

5- Se poi lo spread dovesse salire ancora (decidono solo i mercati, non le folle di beoti seguaci dei due), salterebbero altre banche (più importanti) e lo stesso governo.

6- A quel punto, fine degli alibi e corsa precipitosa a riparare i guasti: via tutte le sciocchezze e, finalmente, un po’ di finanza sana, alla nostra portata.

7- Se però si tarda, allora non restano che la patrimoniale (e la recessione) o la severa Troika. E non saranno così gentili da mandarci Mario Monti o lo stesso Cottarelli: arriverà un finlandese cattivissimo e arcistufo di questi italiani del cazzo.