Uomini&Business - Direttore Giuseppe Turani

Pubblicità

La macchina dei soldi

La trasformazione del Movimento grillino da organizzazione politica a impresa commerciale.

di Giuseppe Turani |

Ho sempre spiegato che era da escludere l’ipotesi che i grillini arrivassero a palazzo Chigi e anche consigliato a Di Maio di riportare in sartoria il set di abiti blu e grigi che aveva comprato con la speranza di sfilare davanti al plotone d’onore il giorno del suo insediamento. E, se Dibba ha ancora voglia di fare il ragazzaccio, che continui pure a girare in motorino. Tanto non vedranno mai il governo, da dentro.

Le mie erano previsioni politiche, e quindi opinabili. Ma adesso lo hanno deciso loro e in forma ufficiale. Anzi, hanno trasformato il Movimento cinque stelle da Movimento politico a pura e semplice impresa commerciale. Invece di vendere scarpe o dentiere per corrispondenza, sulla rete, vendono voti. Ma il meccanismo è lo stesso.

I fatti. Tutti i lunedì sera sulla 7 c’è il consueto sondaggio politico. Da tempo immemorabile il Movimento grillesco viene dato per vincitore in qualsiasi tipo di ballottaggio, contro il Pd e anche contro la destra unita. Poiché oggi è in vigore una legge elettorale che prevede appunto il ballottaggio, ne risulta che, non appena si andranno a fare le elezioni, il Movimento salirà a palazzo Chigi come spinto dalla Forza dei cavalieri Jedi. Forse il lato oscuro.

Ma ecco il colpo di scena. Improvvisamente lo stesso Movimento, fino a ieri barricato intorno alla legge elettorale Italicum, che prevede appunto il ballottaggio, cambia opinione e dice che vuole un sistema elettorale con il proporzionale puro (e anche le preferenze, già che ci siamo). Insomma, anni 80’, forse anche prima. Fra un po’, ha annotato qualcuno, chiederanno anche il ritorno dei gettoni telefonici e delle carrozze a cavalli.

Il sistema proporzionale è l’unico sistema elettorale che non consentirà mai ai grillini di andare al governo. Per la semplice ragione che con quel sistema nessun partito potrà mai avere la maggioranza assoluta e quindi si dovranno fare delle coalizioni. Ma il Movimento ha come tratto distintivo quello di considerare tutti gli altri partiti combriccole di malaffare e uno dei suoi dogmi è  che non si fanno alleanze con gli altri per non sporcarsi.

Niente alleanze, dunque, e niente palazzo Chigi, allora.

Sono impazziti? No. Sono diventati realisti. Hanno capito che governare è un casino. Allora hanno pensato a una struttura diversa, di tipo commerciale. Gli altri fanno politica, noi faremo i soldi. Il meccanismo è questo:

1- In cima  a tutto c’è il sacro blog, dove la gente si può collegare a vomitare ogni tipo di insulto contro chiunque non faccia parte del movimento. E può leggere le cacate degli altri e dello staff. Una specie di letamaio, alimentato 24 ore al giorno. A ogni clic aumentano gli incassi pubblicitari, che poi verranno divisi fra il comico e la Casaleggio. E questa è la parte sostanziosa.

2- Poi, un centinaio fra i più scalmanati aderenti verrà spedito in parlamento. Non devono fare niente di particolare, tanto saranno sempre all’opposizione (ma con stipendio e rimborsi). Devono solo gridare “honestà” tre volte in coro a ogni apertura di seduta. E per il resto possono sparare qualunque cazzata. Anzi, più ne dicono, meglio è. Così si alimenta il sacro blog. Ci sono altri clic e  altri soldini che corrono verso Grillo e la Casaleggio.

3- Un programma non serve, ma visto che tanto sono lì solo per fare confusione, la decrescita felice va benissimo. Fa incazzare un sacco di gente e quindi serve al sacro blog per distribuire insulti (e raccogliere clic).

4- Sotto, nella pianura e nelle valli, ci stanno alcuni milioni di votanti il Movimento, che non hanno alcuna funzione, se non quella di stare sempre incazzati (e a  motivarli ci pensa il solito sacro blog), votare per i balordi indicati dalla Casaleggio e soprattutto fare clic clic clic in continuazione.

 

Il Movimento, quindi,  non andrà mai al governo, non avrà mai un programma che abbia un senso, non farà mai un congresso, ma, se tutto va bene per un’altra decina di anni, Grillo e Casaleggio faranno un sacco di soldi.

Era, in apparenza, un Movimento, è diventato un affare, un maledetto affare. Per due.