Uomini&Business - Direttore Giuseppe Turani

Debutta Trussardi Elegance con Lardini

Prosegue a pieno ritmo il rilancio del brand del Levriero grazie anche agli accordi con Brave Kid.

di Redazione |

Due accordi di collaborazione nel giro di pochi giorni per il gruppo Trussardi. Prima la licenza con Brave Kid (azienda del gruppo di Renzo Rosso Otb) per la produzione e la distribuzione su scala mondiale della linea Trussardi Junior. Poi quello siglato con la marchigiana Lardini per la produzione e commercializzazione di 'Trussardi Elegance', nuova etichetta specializzata nell’abbigliamento maschile formale.

Per la griffe del Levriero si tratta di un mese impegnativo, che ha visto anche lo sbarco al Gum di Mosca con un nuovo punto vendita al primo piano del famoso department store con l’obiettivo di rafforzare la presenza sul mercato russo e lanciare la nuova borsa-icona Lovy Bag.

La prima collezione sviluppata in collaborazione con Brave Kid sarà quella realtiva all’Autunno/Inverno 2017. «Siamo molto felici di questa collaborazione - ha commentato l'ad Tomaso Trussardi - perché abbiamo trovato in Brave Kid il partner ideale in grado di rappresentare al meglio i valori Trussardi nell’ambito del kidswear, settore per noi molto importante in quanto naturale estensione del nostro lifestyle». Per Germano Ferraro, ad di Brave Kid, «è un onore per noi aggiungere Trussardi Junior al nostro portafoglio marchi. E’ un brand che grazie alle sue caratteristiche si integra perfettamente nella realtà di Brave Kid e ci permette di aumentare ulteriormente la nostra posizione di leadership mondiale nel segmento bambino».

Trussardi Eelegance debutterà invece a Milano in occasione delle collezioni uomo di gennaio e quello con Lardini si profila come un accordo di lungo periodo. «Siamo felici di collaborare con Lardini per entrare attivamente nel mondo del formalwear maschile con un partner d’eccellenza del settore» ha commentato Tomaso Trussardi, ad del gruppo Trussardi. «Questa collaborazione unisce due realtà italiane, legate entrambe al gusto del bello e ad una solida tradizione di eleganza» ha aggiunto Andrea Lardini, presidente di Lardini.

Il 2016 è stato per Trussardi un anno di profondi cambiamenti e di avvio di un articolato piano quinquennale destinato a rilanciare il brand e a portare il fatturato dai 150 milioni del 2014 a 250 milioni nei prossimi quattro anni. Per farlo sono stati stanziati investimenti per 40 milioni nei prossimi tre anni e sono state ridefinite le linee concentrando la produzione su Trussardi e Trussardi Jeans e sacrificando l’etichetta Trussardi Tru.

Nei progetti futuri ci sono anche la razionalizzazione e il rafforzamento della rete retail come pure l’inaugurazione di nuovi corner nei maggiori dipartment store internazionali con un occhio soprattutto sulla Cina, che copra circa il 35 per cento delle vendite fuori confine del gruppo e un ritorno alle origini tornando a sviluppare la pelletteria, il nucleo centrale da cui è iniziata la storia del Levriero.