Uomini&Business - Direttore Giuseppe Turani

Cannes celebra i 70 anni del bikini

Una mostra ripercorre l'evoluzione del "due pezzi" in occasione di Maredimoda, kermesse internazionale di beachwear e intimo.

di Redazione |

 

Una mostra al Palais des Festivals di Canens per celebrare i 70 anni del bikini, quello che la famosa giornalista di moda Diana Vreeland definì la “bomba atomica della moda”. L’occasione è la quindicesima edizione di MarediModa, in corso dall’8 al 10 novembre a Cannes, rassegna internazionale dedicata alle ultimissime novità in fatto di tessuti per costumi, intimo, sport e accessori che indosseremo nell’estate 2018.

Bikonic – 70 years of fashion in two pieces, questo il titolo della mostra organizzata da MarediModa, è un’occasione per tuffarsi in un viaggio attraverso l’evoluzione del “due pezzi”, lanciato il 5 luglio 1946 dal sarto francese Louis Réard. Un’invenzione che ha cambiato per sempre la vacanza al mare delle donne. In effetti prima di allora si erano già visti prototipi di qualcosa di molto simile ma fu Réard a presentare ufficialmente alla stampa quel capo dandogli il nome di bikini, lo stesso dell’atollo delle Isole Marshall dove gli Stati Uniti in quegli anni stavano effettuando esperimenti nucleari.

Con il bikini per la prima volta un capo lasciava scoperto l’ombelico: a quell’epoca uno scandalo al punto che per presentare il rivoluzionario capo d’abbigliamento Réard fu costretto a ingaggiare come modella Micheline Bernardini, spogliarellista al Casino de Paris. All’inizio non ebbe vita facile. Ci mise un po’ prima di diventare popolare e non dimentichiamo che in alcune parti del mondo è ancora oggi proibito se non illegale il suo utilizzo. A sdoganarlo definitivamente ci pensò il cinema: dalla Bond girl Ursula Andress alla bagnina di Baywatch.

In mostra sono esposte le creazioni di brand e stilisti che hanno segnato l’evoluzione del bikini tra cui modelli di Gucci e Gianfranco Ferré, Emilio Pucci e Gianni Versace.

Per quanto riguarda invece la rassegna, quattro sono le tendenze emerse per la stagione estiva 2018. Radical Honesty propone toni neutri e materiali morbidi e confortevoli. Sport Activist gioca sulla sottile distinzione tra beachwear e activewear e propone colori accesi e forme geometriche. Deep Glamour si rifà al passato, mischiando il romanticismo del passato con il Kitsh contemporaneo. Gypset Swim per chi predilige uno stile rilassato e allegro all’insegna del folclore e dei colori accesi.