Uomini&Business - Direttore Giuseppe Turani

Guerra a bassa intensità

Battaglie sexy fra Paris Hilton e il clan Kardashian (Nicole Richie e Paris Hilton)

di Andrea Sperelli |

Mentre in America divampava la guerra fra Trump e Hillary per la presidenza era in corso un’altra guerra, che potremmo definire “a bassa intensità”, fra Paris Hilton e il clan Kardashian. L’obiettivo era modesto: le prime pagine dei giornali di gossip. Paris Hilton che è una bella ragazza miliardaria (erede della dinastia dei famosi alberghi) non sa fare, e non fa, assolutamente niente, ma adora essere fotografata e pubblicata. Adora che si parli di lei. E’ finita anche in carcere per questo: guida un po’  bevuta e forse qualche stimolante di troppo.

Anni fa, pur di essere in qualche modo notata, ha postato sui social network, oltre a una marea di fotografie nuda o semi-nuda, anche un lungo filmato in cui sta facendo un servizio orale al suo fidanzato dell’epoca, con molti primi piani e sorrisi (ma in questo era stata preceduta da Belen, con una prestazione filmica molto più completa, non manca nulla).

Le Kardashian, per la verità, non se la sono presa più di tanto. Loro sono imbattibili. Poi, sono un clan, sono parecchie. Tutte molto belle, anche se con una tendenza alla pinguedine (che però a alcuni piace). In partenza le Kardashian sono povere, non sono ereditiere miliardarie come Paris. Però hanno un’innata tendenza a sposare uomini molto ricchi, diventando così ricche esse stesse. Dopo, trasformano la loro vita (belle case, cagnolini, abiti da sogno, yacht) in una sorta di spettacolo permanente. Non fanno nulla, sono lì a testimoniare come può essere gradevole un alto tenore di vita.

Paris Hilton non fa più cose delle Kardashian, ma testimonia la maledizione dell’essere ricchi e la fatica che bisogna fare, ogni giorno, per avere almeno un titolino a due colonne sui giornali e una fotina. E la difficoltà di trovare nuove occasioni: in galera ci  si è già fatta mettere, spogliata si è spogliata più volte, e si è anche fatta scopare in diretta sui social network (sesso orale compreso). Restava davvero poco. E i giornali avevano preso a trascurarla sul serio.

Finalmente l’idea: il bondage. Si è spogliata e poi si è fatta legare, quindi si è fatta fotografare e ha postato le sue foto qui e là, ottenendo qualche apparizione sui giornali.

E le Kardashian? Nemmeno hanno fatto finta di averla vista. Loro sono talmente famose, nel non far niente e nel vivere alla grande, che basta che entrino in un bar a subito scattano i flash. C’è addirittura in tv un reality interamente dedicato a loro: “Al passo con i Kardashian”.

Anche Paris aveva tentato la strada della tv, con un reality dove lei e la sua amica inseparabile (allora) Nicole Richie (figlia del cantante Lionel) facevano finta da fare le contadinelle, sempre in abiti un po’ succinti.

Ma la cosa non è andata tanto bene e poi con Nicole ci sono stati contrasti. Paris, insomma, è rimasta sola e deve farsi legare per avere un po’ di pubblicità. Per il resto, fa quello che ha sempre fatto: va alle feste, inaugura qualche supermercato, cambia fidanzato, cerca di fare scandalo, ma non ci riesce più. Per la semplice ragione che oggi è quasi impossibile trovare qualcosa che faccia davvero scandalo. Una vita difficilissima. Hanno vinto le Kardashian.

(Nell'immagine grande in alto e nelle tre in basso: Kendall Jenner, del clan Kardashian; nelle altre Paris Hilton e la sua amica Nicole Richie)