Uomini&Business - Direttore Giuseppe Turani

Putin è l'uomo più influente del mondo

Forbes lo incorona al vertice della classifica per il quarto anno consecutivo, seguito da Trump e Merkel. Unico italiano: Mario Draghi.  

di Redazione |

IL PODIO - Putin, Trump, Merkel sono le persone più influenti al mondo secondo la rivista Forbes. Per il quarto anno consecutivo, il presidente russo Vladimir Putin guida la classifica dei più potenti del pianeta. «Dal mercato interno alla Siria, alle elezioni presidenziali americane, il leader russo continua a ottenere quello che vuole», scrive il magazine americano. Il secondo posto è occupato dal presidente eletto degli Stati Uniti: ricchissimo e a quanto pare immune agli scandali, potrà governare senza troppi intoppi godendo del pieno sostegno del Congresso americano. Al terzo posto c’è Angela Merkel, la cancelliera tedesca è anche la donna più influente del mondo e non è una novità per lei che è alla guida della più importante economia europea da così tanto tempo.   

IL RESTO DELLA CLASSIFICA – Il quarto posto è occupato dal presidente cinese Xi Jinping seguito da papa Francesco, dalla numero uno della Federal Reserve, Janet Yellen e dal fondatore di Microsoft, Bill Gates. Chiudono la top ten Larry Page (Google), Narendra Modi (primo ministro indiano) e Mark Zuckerberg (patron di Facebook). L’undicesima posizione (la stessa dell’anno scorso) è occupata invece dall’unico italiano della classifica, il presidente della Bce, Mario Draghi. Draghi ha guidato la banca centrale europea in anni difficili in cui la stabilità dell’euro è stata messa a rischio, come confermato dal referendum sulla Brexit, e in cui la crescita economica ha vacillato. Precipita dal terzo al 48esimo posto Barack Obama, presidente uscente degli States mentre al 24esimo posto si trova Rex Tillerson, ancora per poco Ceo di Exxon Mobil visto che Trump lo ha scelto come prossimo segretario di Stato. 

NEW ENTRY E RITORNI - Non solo riconferme. Nella lista delle persone più influenti del mondo ci sono anche 11 new entry. La prima è Theresa May (13esima posizione), nuovo premier britannico dopo il referendum sulla Brexit. A seguire troviamo Travis Kalanick, Ceo di Uber (64esima) Bob Iger, Ceo di Walt Disney (67esima), Mike Pence, prossimo vice presidente degli Stati Uniti (69esima), Rodrigo Duterte, presidente delle Filippine (70esima), Sheldon Adelson, Ceo di Las Vegas Sands (72esima). Da segnalare anche due ritorni: quello di Antonio Guterres (36esima posizione), designato segretario generale delle Nazioni Unite e Recep Erdogan (56esima) presidente della Turchia.

POCHE DONNE – Oltre a Merkel, Yellen e May, sono poche le donne presenti nella classifica. Alla 25esima posizione c’è Christine Lagaede, numeno uno del Fondo Monetario Internazionale, seguita da due manager: Ginni Rometty (61esima) impegnata a traghettare l’IBM verso l’era digitale e Mary Barra (62esima) da due anni Ceo di General Motors, di cui è stata da poco promossa presidente dopo aver guidato la forte risalita delle vendite sul mercato interno oltre che in Europa e Cina. In tutto sono sei la signore in classifica, circa un decimo delle 74 personalità incluse nella lista di Forbes (una ogni 100 milioni abitanti considerando una popolazione mondiale di circa 7,4 miliardi). 
.