Uomini&Business - Direttore Giuseppe Turani

Miliardari d'America, podio hi-tech

Bill Gates (Microsoft), Jeff Bezos (Amazon) e Mark Zuckerberg (Facebook) dominano la classifica Forbes dei 400 uomini più ricchi degli Stati Uniti. 

di Redazione |

Se la posizione numero uno resta blindata - e per il 23esimo anno consecutivo spetta al patron di Microsoft, Bill Gates, grazie a un patrimonio di ben 81 miliardi di dollari - il resto dell’annuale classifica di Forbes sulle 400 persone più ricche degli Stati Uniti offre come sempre sorprese e interessanti spunti di riflessione.

Grazie al buon andamento in Borsa dei titoli tecnologici, il Ceo di Amazon, Jeff Bezos, ha guadagnato in un solo anno 20 miliardi di dollari portando il suo patrimonio a 67 miliardi. Una cifra che gli ha consentito di scalzare dalla seconda posizione il finanziere Warren Buffett, che per la prima volta negli ultimi quindici anni occupa il terzo gradino del podio.

Grazie a un patrimonio salito a 55,5 miliardi, il Ceo di Facebook Mark Zuckerberg arriva alla quarta posizione, il livello più alto mai raggiunto fino ad oggi, seguito al quinto posto dal fondatore di Oracle, Larry Ellison.

Sempre restando in territorio hi-tech, tra i 22 nuovi miliardari entrati per la prima volta nella classifica di Forbes, va citato Jen-Hsun Huang, fondatore della società di chip Nvidia, mentre il fondatore di Snapchat, Evan Spiegel, 26 anni, risulta essere il più giovane miliardario degli States (il più anziano è David Rockefeller Sr., 101 anni).

Nel complesso la ricchezza è aumentata raggiungendo la cifra record di 2.400 miliardi di dollari, pari a una ricchezza media di 6 miliardi a testa per ciascuno dei 400 super miliardari. Anche quest’anno, la soglia di ingresso per entrare nell’Olimpo delle 400 persone più ricche degli Stati Uniti è stata di 1,7 miliardi di dollari e il patrimonio è stato calcolato in base alle quotazioni di Borsa rilevate il 16 settembre scorso. Non a tutti è andata bene però. A fronte di 187 i miliardari che hanno registrato un aumento del loro patrimonio, 114 hanno assistito ad una contrazione.

Tra questi ultimi anche il candidato repubblicano alle presidenziali, Donald Trump, che è sceso di 35 posizioni a causa di una riduzione di patrimonio di 800 milioni rispetto a un anno prima. Vanta comunque una ricchezza di 3,7 miliardi che lo colloca al 156esimo posto, mai così in basso prima d’ora.  

Dei 400 ricconi americani, ben 42, ossia il 10 per cento del totale, sono immigrati, nati cioè fuori dagli States. E di questi ben 14 vantano un patrimonio superiore a quello di Trump. Tra di loro troviamo Sergey Brin, cofondatore di Google (37,5 miliardi), George Soros (24,9 miliardi), il fondatore di Tesla, Elon Musk (11,68 miliardi), il magnate dei media Rupert Murdoch (11,18 miliardi).    

Tra le donne più ricche degli Stati Uniti la classifica vede in testa Alice Walton, erede del fondatore di Wal-Mart, con un patrimonio di 35,4 miliardi di dollari, seguita da Jacqueline Mars, erede della colosso dei dolciumi creato dal nonno nel 1912, con un patrimonio di 27 miliardi di dollari. La terza donna più ricca d’America è invece Laurene Powell Jobs, vedova del fondatore di Apple, Steve Jobs, con un patrimonio di 17,7 miliardi (generato in gran parte dalla quota del 7,8 per cento detenuta in Disney).