Uomini&Business - Direttore Giuseppe Turani

Inesorabilmente fermi

Con una crescita dello 0,6 per cento nel 2015, si può solo concludere che il paese è rimasto al palo, esattamente come negli ultimi vent'anni. Cosa si può fare?

di Giuseppe Turani |

di Giuseppe Turani

La modesta crescita fatta registrare dall’Italia nel 2015 sta riaprendo per fortuna il dibattito su quello che si è fatto e che si dovrebbe fare in economia. Il bilancio finale è tale che nessuna magia, e nessuna slide, può far brillare. Anche nel 2015 siamo rimasti sostanzialmente fermi. Si poteva fare di più e meglio?

A leggere qui e là, specialmente sui social network, c’è solo abbondanza di ricette e di cose da fare che non sono state fatte: taglio spesa pubblica, liberalizzazioni, chiusura società inutili, ecc.

Nessuno di questi suggerimenti è sbagliato, tutti sono giusti, meno il taglio della spesa pubblica: un colpo di mannaia sulle spese dello Stato nel 2015 avrebbe mandato il paese in recessione, come è stato più volte spiegato qui. E oggi non saremmo qui a conteggiare, e a lamentarci, per via della crescita dello 0,6 per cento, ma saremmo attoniti davanti a un meno 0,4 per cento.

Tutti i suggerimenti proposti, però, sorvolano un punto chiave: chi, quale parlamento, avrebbe dovuto approvare quelle riforme? Il nostro? Ma qualcuno si rende conto della sua pochezza e della sua elusività? Giornate e giornate a discutere di cose quasi ridicole, mozioni di sfiducia altrettanto ridicole, sceneggiate varie. Questo parlamento è abilitato solo a fare cose piccole e confuse.

Ma, tornando alla questione iniziale, Renzi va bocciato? Se si guardano i freddi numeri, sì. Aveva promesso di smuovere il paese, ma il paese è rimasto fermo.

In realtà, le cose sono più complesse. Sia pure con qualche errore e qualche scivolata, Renzi ha cercato di rimettere in moto le cose (ferme da oltre vent’anni), ma l’impresa si è rivelata titanica. Molti, e giustamente, parlano di liberalizzazioni forti per dare spinta all’economia. Ma, nella realtà dei fatti, questo è un paese nel quale persino due lobby insignificanti (taxisti e farmacisti) riescono a bloccare qualsiasi novità. E si potrebbe continuare con altri esempi.

Si sta scoprendo, cioè, che il peso delle vecchie consorterie è molto più forte di quello che si credeva. Inoltre, ci sono dei blocchi istituzionali. In un mondo corretto e decente, ad esempio, la regione Sicilia sarebbe già stata dichiarata fallita e al posto del suo inutile governatore (e dell’ancora più inutile assemblea regionale) oggi a Palermo siederebbe un commissario governativo dotato di pieni poteri. E non sarebbe l’unico caso. Però nessuno può farci niente. Crocetta spende e spande, e alla fine saranno le casse pubbliche (cioè noi) a dover intervenire.

Sul fronte più strettamente produttivo non si fanno passi avanti. Un po’ perché dopo sette anni di crisi molto pesante è difficile trovare imprenditori che abbiano voglia di investire e di darsi da fare. In più, abbiamo un sindacato (Cgil soprattutto) praticamente morente, se non già morto, che non ha alcuna idea moderna e che continua solo a chiedere nuove tasse per distribuire più benessere ai suoi associati (e per fare, sa il cielo, quali investimenti). Senza sapere, naturalmente, che questo paese sta morendo di tasse.

E qui arriviamo al punto. Di solito si dice che, con questa situazione politica (maggioranza incerta) Renzi può fare poco. Tutto sarebbe rimandato a dopo le elezioni politiche generali quando, con in mano una maggioranza forte, sarà in grado di fare operazioni spinte. E’ possibile che il suo disegno sia esattamente questo. Ma potrebbe essere anche troppo tardi.

Si può fare qualcosa subito? Si può, ma serve un coraggio da leoni. La strada è molto semplice. Invece di stare a discutere di inezie con l’Unione europea, si presenti un piano robusto di taglio delle tasse (proprio le aliquote) contestualmente a un piano di tagli di spesa da fare nei prossimi tre anni. In sostanza, 5 per cento in meno di pressione fiscale (non 0,01 per cento), all’inizio finanziato in deficit, ma subito coperto con tagli della spesa pubblica. Questa sarebbe la scossa che questo paese va cercando dal 1990. Invece si è andati avanti alzando ogni anno un po’ la pressione fiscale. Sarò molto sintetico: la svolta buona è la riduzione delle tasse. Allora gli 80 euro e i 500 ai giovani non servono più.

Come già suggerito in passato, tutto questo potrebbe essere accompagnato da un dettagliato crono-programma per ridurre il peso dello Stato del 50 per cento nei prossimi dieci anni: l’Italia che si può muovere è quella, non questa di oggi.

A Bruxelles si metterebbero a strillare con quanta forza hanno in gola, ma mica possono mandare qui i marines.

Ricetta troppo drastica, troppo pericolosa? Può essere. L’alternativa è continuare a strisciare sul fondo fino al 2017 o fino al 2018, quando si dovranno fare, comunque, queste stesse cose.